La Piccola Amal arriva a Roma. Ad accogliere la marionetta alta 3,5 metri e raffigurante una bambina rifugiata, anche ASCS e ScalaMusic

I partecipanti a un corso fidanzati, appartenenti a un gruppo di nuova generazione emigrata a Basilea

Appuntamento doppio con l’Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo e il suo progetto di musica cristiana: il 10 settembre 2021 in piazza San Pietro e il 12 al Teatro India

È arrivata in Italia la Piccola Amal, una marionetta alta tre metri e mezzo raffigurante una bambina rifugiata in viaggio per per trovare sua madre, come molti degli oltre trentaquattro milioni di bambini rifugiati e sfollati nel mondo.

Creata dalla Handspring Puppet Company e partita dal confine tra Siria e Turchia, Amal (parola araba che significa speranza) è la protagonista di The Walk (Il Cammino), il più grande Festival itinerante mai realizzato per i diritti dei bambini rifugiati. Ad animare Amal, il cui messaggio è Non dimenticatevi di noi, è una squadra composta da dieci marionettisti, due dei quali hanno fatto il suo stesso tragitto da rifugiati.

Appuntamento al Teatro India

Ad accogliere la Piccola Amal a Roma anche l’Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo (ASCS) con due appuntamenti. Il 10 settembre 2021 alle 10,00 ASCS sarà in piazza San Pietro con il laboratorio rivolto ai bambini per la costruzione di un aquilone.

Il 12 settembre al Teatro India, in una mattina di musica, teatro, giochi, danza e parkour, dopo il benvenuto da parte dei bambini e delle bambine del laboratorio Crea e il concerto della MaTeMusik band & crew, sarà la volta delle performance e dei giochi teatrali di ScalaMusic, il progetto di musica cristiana di ASCS, che si esibirà dalle 12,00 con lo spettacolo dal titolo Oltre ogni confine.

Fiducia per conoscere

La prima di apertura, Mi fido di te, parla dell’incontro con l’altro e del rapporto di fiducia che è necessario instaurare per poterlo conoscere. A seguire, l’ascolto della storia di Khalid, un ragazzo rifugiato che per coltivare la sua grande passione per la danza ha dovuto affrontare enormi difficoltà. Quindi toccherà alla canzone Incontro di anime, sull’incontro tra culture e la diversità come ricchezza.

A conclusione della performance un momento di animazione, con l’idea di creare un clima giocoso, di apertura e festa intorno ad Amal che si unirà al gioco. L’iniziativa è condotta in collaborazione con l’associazione CREA, Matemù/Cies e UNHCR Italia.

Immagini: 2020 © The Walk